Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Gio 21 Dic /00:00

ok ALTA VIA DELLO STUBAI (3277 m)

Gio 21 Dic

Attraverso il cuore delle Alpi di Stubai con un itinerario quanto mai vario e poco conosciuto al cospetto di alcuni fra i maggiori ghiacciai della regione, cime indimenticabili e vallate idilliache.

Un trekking di sette giorni nel Tirolo austriaco fatto di traversate di rifugio in rifugio attorno alla valle dello Stubai col gruppo omonimo sempre presente al culmine di praterie verdissime con le sue cime e il Pan di Zucchero di oltre 3500 m. Il trekking consente di ammirare i ghiacciai che concludono la valle, passando per alpeggi curatissimi, piccole valli, crinali da cui la vista spazia su ampi circhi glaciali. L’alta via dello Stubai ci condurrà in un luogo poco conosciuto in un paesaggio molto significativo dell’arco alpino.

1° giorno. Da Barenbad alla Franz-Senn Hutte. Partiremo da Seduk, dal fondovalle e risaliremo i prati e i boschi con subito di fronte la testata della valle e lo scenario dei ghiacciai e delle vette di oltre 3000 m che la coronano. Un breve passaggio nella graziosa Seducker Hochalm e poi un lungo traverso che, con un breve saliscendi, ci porterà alla Franz-Senn Hutte, ormai nell’alta valle dell’Obernbergbach.

Difficoltà: E, escursionistica

Dislivello: 900 metri circa

Quota massima: 2320 metri

2° giorno. Dalla Franz-Senn Hutte alla Neue Regensburger Hutte. Una giornata facile con una sveglia comoda, dopo la precedente intensa, ci farà gustare l’ambiente e ci porterà al passo Schrimmennieder. Abbandoneremo così la selvaggia e minuscola valle dell’Obernbergbach per la più ampia valle dello Stubai a cogliere la vista dalla Basslerjoch, il crinale principale della valle dello Stubai per poi alloggiare nel piccolo edificio della Neue Regensburger Hutte.

Difficoltà: E, escursionistica

Dislivello: 650 metri circa

Quota massima: 2706 metri

3° giorno. Dalla Neue Ragensburger Hutte alla Dresdner Hutte. Saliremo alla testa della valle dello Stubai, tramite il sentiero chiamato Hohen Moos in direzione del lago Falbesoner al cospetto dei grandi ghiacciai dominati dalle vette più alte. Una traversata sul versante più esposto del trekking, che a sud che scavalca il passo Grawagrubennieder e la vetta omonima con una salita che inizia subito dopo avere abbandonato il rifugio. Dalla cima p roseguiremosotto il versante del monte Grawawandferners su una salita ripida percorrendo una costa con fenditure. Il sentiero prosegue sotto il lago Mutterberg, poi al di sotto del monte Glamergrube, per poi terminare al rifugio Dresdner Hütte col panorama sull’intera valle.

Difficoltà: EE, escursionistica per esperti

Dislivello: 800 metri circa

Quota massima: 2881 metri

4° giorno. Dalla Dresdner Hutte alla Nürnberger Hutte. Partiremo per una giornata di cammino che unisce due facili tappe dell’alta Via dello Stubai, caratterizzata dal passaggio al passo Peiljoch durante la mattina per giungere alla Sulzenau Hutte verso l’ora di pranzo con un facile sentiero su prateria alpina e terreno detritico. Nel pomeriggio ci incammineremo alla volta della Nürnberger Hutte attraverso il passo Niederl in un paesaggio periglaciale dominato da laghi e morene. La discesa oltre il passo ci condurrà alla Nürnberger Hut, ben visibile nel circo glaciale.

Difficoltà: E, escursionistica

Dislivello: 900 metri circa

Quota massima: 2676 metri

5° giorno. Dalla Nürnberger Hutte alla Bremer Hutte. Ci incammineremo verso l’altro lato dello Stubai in un ambiente tra roccia e ghiaccio, a dire in vero non solo della valle dello Stubai, ma anche della valle dello Gschnitztal alla cui testata è posta la Bremer Hutte in posizione di dominio sull’intera valle. Andremo in un pianoro chiamato “paradiso” sino al successivo passo Simmingjochl dove si aprirà la vista sulla valle dello Gschnitztal, ancora a camminare in uno spettacolo grandioso e ormai con in Pan di Zucchero alle spalle.

Difficoltà: E, escursionistica

Dislivello: 650 metri circa

Quota massima: 2754 metri

6° giorno. Dalla Bremer Hutte alla Innsbrucker Hutte. Cominceremo il cammino di buon mattino per affrontare l’altra lunga giornata del trekking caratterizzata da un vario saliscendi tra 2200 e 2600 metri di quota. Un lungo sentiero in traverso sui ripidi pendii oltre il bosco, sempre panoramico a dominare la valle. Un piccolo passaggio attrezzato ci consentirà di superare il punto più difficile della giornata nei pressi del Wasenwand. Poi, verso il lago Alfaier vedremo in lontananza il Tribulaun.

Difficoltà: EE, escursionistica per esperti

Dislivello: 450 metri circa

Quota massima: 2370 metri

7° giorno. Innsbrucker Hutte – Habicht – Neder in Stubaital. La sveglia di primo mattino consentirà di salire sul Falco, l’Habicht, con zaino scarico e poi tornare in rifugio per riprendere il cammino fino a fondovalle, per concludere il trekking con una bellissima e appagante vetta che, con qualche passaggio attrezzato, consentirà di vedere gli spazi percorsi nei sei giorni precedenti. Scenderemo dunque poi a Pennis Alm dove concluderemo il cammino.

Difficoltà: EE, escursionistica per esperti

Dislivello: 900 metri circa

Quota massima: 3277 metri


RITROVO. Piazzale Lorenzo Lotto a Milano, sotto la scritta “Lido di Milano” o alla partenza dell’escursione. Se hai necessità di trovare altre soluzioni contattaci e ci accorderemo.

PRANZO. Pranzo al sacco. Il primo giorno è necessario avere con sé il pranzo al sacco sin dalla partenza (per info leggi qui).

EQUIPAGGIAMENTO. Attrezzatura classica da escursionismo che comprenda guscio antivento e antipioggia, capi vari che permettano la vestizione a strati sovrapposti, borraccia, crema solare ad alta protezione, occhiali da sole, guanti, cappello, lampada frontale (per info leggi qui).

SISTEMAZIONE. In rifugio con camere quadruple o maggiori o camerone. E’ necessario portare con sé toelette personale e sacco-lenzuolo o sacco a pelo.

VARIAZIONI DI PROGRAMMA. Il programma può anche variare. La guida rimane l’unico giudice del programma che può modificare in qualsiasi momento per motivi di sicurezza in base alle condizioni meteorologiche, ambientali o in relazione al livello fisico e tecnico degli escursionisti.

INCLUSO NEI COSTI. L’accompagnamento da parte di un AmM Guide Alpine regolarmente iscritto al Collegio di appartenenza e in possesso di assicurazione professionale RC, il vitto e l’alloggio in mezza pensione, le spese della guida. I Soci Wellness Wizard A.S.D. godono, inoltre, di assicurazione infortuni durante l’escursione inclusa nella quota associativa di € 20,00 annui (per info leggi qui).

ESCLUSO DAI COSTI. I pranzi e i costi di viaggio. Ogni altro costo non esplicitato alla voce “INCLUSO NEI COSTI”.

COSTI DI VIAGGIO. I costi di viaggio sostenuti dagli autisti di tutte le auto utilizzate sono divisi tra i partecipanti in modo equo, ad eccezione degli autisti stessi. In caso di una sola auto con equipaggio formato da tre partecipanti di cui uno è l’autista, questo condivide le spese di viaggio in modo equo. In ogni caso la guida non partecipa alle spese di viaggio.

CAPARRA E SALDO. L’iscrizione prevede il versamento della caparra (per info leggi qui). Il saldo è da effettuare in contanti durante l’evento.

ISCRIZIONI E DISDETTE. Ci si prenota attraverso il modulo di iscrizione del sito che ha valore legale di contratto. In caso di condizioni ambientali non consone l’uscita verrà spostata o annullata. Le DISDETTE devono essere TEMPESTIVAMENTE COMUNICATE alla guida dell’escursione tramite E-MAIL. La disdetta non comporta il pagamento della quota indicata nella scheda se effettuata entro 15 GIORNI dall’inizio dell’evento. Successivamente comporta il pagamento del 70% dell’intera quota da effettuare tramite bonifico bancario (per info leggi qui).